Gone
     Buried
     Covered by the dust of defeat –
     Or so the conquerors believed
     But there is nothing that can
     Be hidden from the mind
     Nothing that memory cannot
     Reach or touch or call back

     Don Mattera, 1987

   

     Finito
     Sepolto
     Coperto dalla  polvere della sconfitta –
     O almeno così credevano i vincitori
     Ma non c’è nulla che può
     Essere tenuto nascosto alla mente
     Niente che la memoria non possa
     Raggiungere o toccare o richiamare a sé

     Don Mattera, 1987

 

La storia triste di questo quartiere a ridosso del centro di Cape Town, fatta di razzismo e ingiustizia, continua nonostante siano già passati 50 anni, perché la ricostruzione è lenta e ostacolata da molti interessi e giochi di potere. Tornerà a essere di nuovo quel centro pulsante multietnico e multireligioso di vita, solidarietà, cultura e integrazione che tutti gli abitanti della città madre conoscevano?

Ecco alcuni scatti del Museo di District six che ne conserva il ricordo e la memoria fatta di strade, volti, mestieri e vita, a pochi passi dalla parrocchia di Holy Cross. Per far capire l’alchimia che regnava in questo quartiere multietnico – tanto inviso e sgradito all’amministrazione bianca dell’apartheid dell’epoca – e che permetteva una pacifica e fruttuosa convivenza a persone di diverse estrazioni sociali, professioni e provenienze culturali e religiose, ancor oggi potete vedere in questo fazzoletto di terra attraversato dalla nuova autostrada N2 una chiesa cattolica (Holy Cross), una chiesa nuova apostolica, una chiesa anglicana (St.Mark) e tre moschee. Il quartiere inoltre era abitato da molte famiglie ebree.

Non stupisce quindi che nel cinquantesimo anniversario della demolizione di District Six, si sia vissuto un momento intenso e commovente nella Preghiera interreligiosa che ha riunito responsabili e comunità di tutte queste fedi religiose che, nella diversità delle proprie tradizioni, hanno offerto una testimonianza del passato ma anche aperto una strada per una ricostruzione rispettosa del nome e dello spirito di questo quartiere.

Gallery dal Museo

{{title}}
{{description}}
{{title}}

 

Interessante la testimonianza di Vincent Kolbe, straordinario musicista e attivista della città in questo articolo.